L’unione europea propone la Nature Restoration Law per ripristinare le superfici terrestri e acquatiche contaminate. L’Italia si oppone

L’Unione Europea ha proposto la “Nature Restoration Law” con l’obiettivo di ripristinare entro il 2030 almeno il 20% delle superfici terrestri e acquatiche dell’Unione, esteso entro il 2050 a tutti gli ecosistemi bisognosi di recupero. Mentre il Parlamento europeo ha approvato il testo con 336 voti a favore, l’Italia si è opposta, vedendo nei vincoli ambientali una minaccia per la sicurezza alimentare ed energetica, citando perdite economiche per agricoltori, pescatori e selvicoltori. Il 29 novembre, l’Italia ha nuovamente votato contro presso la Commissione Ambiente europea.

La Nature Restoration Law, un regolamento vincolante, richiede agli Stati membri di adottare Piani Nazionali di Ripristino entro due anni dal completamento dell’iter legislativo. Questi piani saranno soggetti al controllo della Commissione, con la possibilità di azioni legali in caso di mancato rispetto degli obiettivi prefissati. L’obiettivo generale è contribuire alla ripresa continua della biodiversità e della resilienza della natura, partecipando agli sforzi dell’Unione per mitigare e adattarsi ai cambiamenti climatici.

L’81% degli habitat protetti, il 39% delle specie di uccelli protetti e il 63% delle altre specie nell’UE sono in uno stato di conservazione precario, con cause che includono agricoltura intensiva, uso indiscriminato di pesticidi, consumo di suolo e inquinamento. Il ripristino della natura è fondamentale non solo per la protezione, ma anche per invertire il declino delle popolazioni di insetti impollinatori e affrontare le sfide ambientali.

A livello economico, si stima che ogni euro speso in ripristino del territorio porterà un ritorno da 8 a 38 €, rendendo l’investimento vantaggioso. L’entrata in vigore della legge potrebbe avere effetti positivi sull’ambiente e sull’economia, contribuendo a territori più sicuri, città più verdi e servizi ecosistemici di maggiore qualità. Questa legge rappresenta un connubio virtuoso tra economia ed ecologia, promuovendo una vita migliore.

Condividi questo contenuto:

Articoli recenti

  • All Post
  • Comunicati stampa
  • News
  • Veneto
    •   Back
    • Vicenza
    • Verona
    • Treviso
    • Belluno
    • Rovigo
    • Venezia
    • Padova
    •   Back
    • Senato della Repubblica
    • Consiglio Regionale Veneto
    • Europa Verde Veneto
    • Giovani Europeisti Verdi
    • Camera dei Deputati

EUROPA VERDE VENETO.
Siamo la Federazione regionale veneta di Europa Verde, il partito ecologista italiano affiliato agli European Greens.

Federazione dei Verdi del Veneto – Via Varrone 20, 30173 Venezia – P. Iva 90070670279
Privacy policyCookie policyAggiorna le tue preferenze cookie

Licenza Creative CommonsQuesto sito è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

Rimani aggiornato sul nostro Telegram:

Europa Verde Veneto su Telegram